_______________________

adotta un bambino a distanza

________________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per leggere

Antonello Dose

La rivoluzione del coniglio - come il buddismo mi ha cambiato  la vita

La storia di una "rivoluzione" personale, di come un incontro (in questo caso con la fede buddista) possa cambiare il modo di guardare alla propria esistenza e a quella degli altri. (30 settembre 2017)

__________________________

Sharo Gambino

Fischia il sasso

Il fascismo a Serra San Bruno, raccontato attraverso gli occhi di un bambino. Una storia narrata con un grande senso dell'umorismo. La farsa, però, conteneva già in se la tragedia. (25 agosto 2017)

__________________________

Giacomo Panizza

Cattivi maestri

La sida educativa alla pedagogia mafiosa

Chi sono i cattivi maestri? Sono le persone che indicano una via alternativa alla prevaricazione e alla violenza mafiosa. Sono quelli che educano alla bellezza dello stare insieme per costruire, in modo nonviolento, qualcosa di buono per se e per gli altri. (19 agosto 2017)

__________________________

 

Leone Tolstoi

Il Regno di Dio è in voi

Un "trattato" alla scoperta delle radici della nonviolenza del Cristianesimo. E' questo il cuore della rivelazione divina: la non-resistenza al male con la violenza. (3 agosto 2017)

__________________________

Giuseppe Lavorato

Rosarno

Conflitti sociali e lotte politiche in un crocevia di popoli, sofferenze e speranze

La storia delle lotte contro i fascisti, la ndrangheta e i razzismi e a sostegno dei diritti dei più poveri. La narrazione della "rivolta" dei migranti di Rosarno del gennaio 2010. Un libro intriso di passione politica e civile. (2 agosto 2017)

__________________________

Adriano Prosperi

Il seme dell'intolleranza

Ebrei, eretici, selvaggi

Granada 1492

I razzismi non fuoriescono dal niente, ma hanno radici profonde. Ce lo spiega bene, in questo bel libro, Adriano Prosperi. (8 luglio 2017)

__________________________

Romeo Vernazza

Quelli erano giorni - Una storia vera

La storia di uno degli IMI, gli internati militari italiani. Circa seicentocinquantamila prigionieri militari italiani che, dopo l'8 settembre 1943, dissero No al fascismo e al nazismo e furono deportati nei campi tedeschi di "lavoro" forzato pagando il loro rifiuto con la fame, gli stenti, la morte. Erano persone semplici, contadini, operai che Mussolini aveva mandato, come carne da macello, a combattere in giro per l'Europa, tra l'altro male equipaggiate, a casa di altre persone che non avevano fatto niente contro di loro. Prigionieri che davanti agli "appelli" dei gerarchi fascisti e nazisti di arruolarsi per la repubblica di Saló, in cambio di un pasto caldo e della fine degli stenti, dissero orgogliosamente di No. Molti di quelli che riuscirono a tornare a casa piansero tutte le notti, fecero sogni terribili, "vissero" sempre da sopravvissuti. (12 giugno 2017)

__________________________

Erminio Amelio

L'incontro

L'incontro tra Giuseppe e Malik, annulla le distanze, demolisce i pregiudizi, è generativo di comprensione e compassione, svela l'umanità delle persone così come dovrebbe essere. (28 maggio 2017)

__________________________

Vito Mancuso

Il coraggio di essere liberi

 "Alla fine si tratta solo di introdurre armonia nell'immenso concerto nel mondo. E così generare bellezza, e ancor più essere bellezza, quella bellezza che è anche bontà". (7 maggio 2017)

__________________________

Sabrina Garofalo

Ludovica Ioppolo

Onore e dignitudine

Le storie intorno ai corpi, alle passioni, agli amori impossibili rivelano più di mille trattati il malato "senso dell'onore" di cui è colmo, come vino drogato, l'universo violento delle mafie. (6 maggio 2017)

__________________________

Felice Foresta

Il faggio che sposò la luna

Giancarlo, Antonio, Carmine, Laura e Loredana. Storie che si svolgono intorno al senso di giustizia e di legami spirituali che non si sciolgono. (29 aprile 2017)

___________________________

Corrado Augias

Marco Vannini

Inchiesta su Maria

Una riflessione a due voci, onesta e priva di pregiudizi, sulla figura di Maria, la madre di Gesù. (3 aprile 2017)

__________________________

Adolfo Pérez Esquivel

e Daisaku Ikeda

La forza della speranza

Un dialogo intenso sui temi della pace, della nonviolenza, dei diritti umani, dell'impegno personale per il bene, sull'assurdità della guerra e delle armi nucleari, tra il Premio Nobel per la Pace del 1980 e il leader buddista presidente onorario della Soka Gakkai, passando per Seneca, Platone, Gandhi, Victor Hugo, Albert Camus, Lao Tzu, Goethe, Arnold Toynbee, Thomas Merton, Norberto Bobbio, Albert Einstein, John Ruskin, Martin Luther King, Rosa Parks, Rigoberta Menchú, Nichiren Daishonin, Betty Williams. (2 aprile 2017)

__________________________

Tommaso Campanella

La città del sole

Una immaginifica società governata da un tiranno (Sole) dotato di un potere assoluto. Utopia o distopia? Attualizzando, forse, è possibile fare un paragone con ciò che è stato immaginato nel film "Divergent". (13 marzo 2017)

__________________________

Alberto Maggi

Versetti pericolosi

Attraverso alcuni versetti, tratti dal Vangelo di Luca, Alberto Maggi ci spiega come il messaggio di Gesù sia stato "frainteso" anche dalla stessa chiesa cattolica. Perché "le persone religiose sono refrattarie alle manifestazioni divine. Sono troppo immerse nel sacro per percepire il divino che le circonda". (11 marzo 2017)

___________________________

Roberto Vecchioni

La vita che si ama - storie di felicità

Percorso, quasi autobiografico, sui momenti di felicità di Roberto Vecchioni. (15 febbraio 2017)

__________________________

Claudio Magris

Non luogo a procedere

Un racconto che gira sull'orrore delle guerre di ogni tempo, su un museo della guerra per esorcizzarla e richiamare l'urgenza della pace. (29 gennaio 2017)

__________________________

Evelina Santagelo

Cose da pazzi

La storia dell'amicizia tra due ragazzi, Rafael e Richi, vissuta nel quartiere Spina di Palermo. Un legame che va oltre la morte di Richi e che si dipana nel vissuto di un quartiere dove il bene e il male si incrociano ogni giorno. (22 gennaio 2017)

__________________________

Pietro Abelardo

Dialogo tra un filosofo, un giudeo e un cristiano

La verità, le verità possono essere ricercate solo attraverso il dialogo. La mitezza, l'umiltà, la fermezza sono condizioni essenziali per il rispetto del pensiero dell'altro. Solo così può nascere un dialogo fecondo. (14 gennaio 2017)

__________________________

Continua a leggere

 

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.