Abbiamo ancora, tutti noi, davanti agli occhi le immagini dello stadio di Johannesburg. i grandi della terra a commmemorare un grande della Storia. Un uomo grande e un grande uomo. Come lui, anche altri si sono battuti per l'uguaglianza dei diritti in un mondo che per forza, frammentandoci, ci vuole diseguali. L’attualità dell’insegnamento e dell’opera di Martin Luther King, di Nelson Mandela e di altri non è solo nella strenua lotta contro le discriminazioni razziali. No; è pure nell'aver lottato con tutte le energie contro il principio dell’ “eguali ma separati”. Principio che ha rappresentato un tentativo di giustificazione della segregazione su base etnica.Non ci possono essere libertà e democrazia senza convivenza, gli uni accanto agli altri, degli individui con diverso colore della pelle e di diversa provenienza. A iniziare dalla scuola. E qui si scorge la risonanza, persino emotiva, con recenti vicende, che si sono presentate anche in Italia.La logica del ghetto o dell’enclave compromette qualsiasi tentativo di dare sostanza all'astratta proclamazione dell’uguaglianza fra gli esseri umani. Solo il quotidiano confronto dei diversi negli stessi luoghi, a stretto contatto, consente alla nostra civiltà di maturare. Già, le differenze; né King né Mandela pensavano di negarle,proponendosi anzi di valorizzarle, facendone una ricchezza per tutti. Non è necessariamente per il “crogiolo” che passa la strada dell’emancipazione e della liberazione dei singoli e dei gruppi.Piuttosto bisognerebbe tendere a una sorta di coro o di orchestra sociale. Ciascuno suona il proprio strumento e usa la sua voce, il più possibile, però, in armonia con gli altri. Offrendo al maggior numero di persone le chance e le opportunità per migliorare la propria situazione e per promuovere le proprie capacità. Facendo in modo, cioè, che il ventaglio delle opzioni e delle scelte non sia determinato soprattutto dal villaggio o dalla famiglia di provenienza.E oggi dal Sudafrica, pure attraversato da mille tensioni e contraddizioni, ci viene una lezione di democrazia – sì, di democrazia – dai milioni di cittadini raccolti in preghiera nelle sinagoghe,nelle chiese delle varie denominazioni cristiane, nelle moschee ecc.

(Gaetano Rocca)

(Domenica, 15 dicembre 2013)

Pin It

_______________________

adotta un bambino a distanza

________________________

 

 

 

 

CHIESA EVANGELICA VALDESE


 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per leggere

Amos Oz

Gesù e Giuda

Amos Oz "contesta" la narrazione dei Vangeli su Giuda. E' il traditore o colui che ha creduto più di tutti a Gesù, il primo e ultimo cristiano? (28 giugno 2022)

__________________________

Giuseppe Gervasi

Dietro una porta ho atteso il tuo respiro

Un racconto delicato di una storia di dolore. Una coppia appena sposata, con tanti progetti in cantiere, si trova catapultata nel vortice di una malattia terribile. La storia però è un inno alla speranza, all'amore e all'amicizia, alla ricerca della felicità. (24 giugno 2022)

__________________________ 

Giuseppe Berto

La Gloria

Quasi un Vangelo secondo Giuda. La storia di Gesù, osservata attraverso uno dei possibili angoli visuali di Giuda, entra nel mistero del suo profilo psicologico, della sua autocoscienza. La domanda che rimane irrisolta, agli occhi dell'autore, è: fu sacrificio o fu assassinio? (12 giugno 2022)

__________________________

Anna Politkovskaja

La Russia di Putin

La giornalista russa, assassinata il 7 ottobre 2006, concludeva questo suo scritto del 2005 dicendosi amareggiata e incredula per l'indifferenza dell'Europa, abbagliata dal petrolio, dal gas, dai soldi facili degli oligarchi, nei confronti del regime criminale e sanguinario di Putin. Una miopia che si è svelata drammaticamente con l'aggressione all'Ucraina del 24 febbraio 2022. (7 maggio 2022)

__________________________ 

Amos Oz

Giuda

Giuda è stato il davvero il traditore di Gesù o il suo più fedele seguace? Sul filo di questa domanda si dipana il racconto che gira intorno ad un periodo della vita del giovane Shemuel Asch che tra la fine del 1959 e l'inizio del 1960, dopo aver rinunciato agli studi all'Università di Gerusalemme, va a vivere per tutto l'inverno da Gershom Wald, un settantenne cui presta assistenza, e Atalia Abrabanel, la nuora di Gershom della quale Shemuel si invaghisce. In sottofondo, fanno da eco gli eventi drammatici della nascita dello Stato d'Israele. (31 marzo 2022)

________________________ 

Gabriele Boccaccini

Le tre vie di salvezza di Paolo l'ebreo - L'apostolo dei gentili nel giudaismo del I secolo

Paolo non è stato un apostata dell'ebraismo. La sua non è stata la "conversione" sulla via di Damasco. A partire dalla propria esperienza di rivelazione di Gesù, ha aderito a quella che era la posizione apocalittica del giudaismo, una delle tante "versioni" dell'ebraismo del II Secondo Tempio. Paolo poi non ha mai detto di volere abrogare la Torah. Aldilà delle letture fatte nei secoli, Paolo non fu neanche intollerante perché il cuore del suo messaggio non designava Gesù Cristo come unica fonte di salvezza, non c'erano precorsi separati per ebrei e gentili, ma gli ebrei hanno la Torah, i gentili la loro coscienza e le pecore perdute (sia ebrei che gentili) hanno Cristo per la giustificazione (non la salvezza) dei loro peccati. (5 febbraio 2022)

________________________

David Mathis

Le abitudini della Grazia

Come possiamo coltivare la Grazia di Dio che è in noi? Alcuni semplici consigli per non dimenticarci che abbiamo un tesoro prezioso da innaffiare e curare ogni giorno. (25 gennaio 2022)

________________________

Ermanno Genre

Il culto cristiano - Una prospettiva protestante

Il culto cristiano è la risposta a una chiamata, con la quale ci dichiariamo disponibili a rimanere sempre connessi con Dio e con il mondo. E' il principio dell'etica, perché in forza della chiamata non possiamo più rimanere indifferenti alle sorti e alla sofferenza delle nostre sorelle e dei nostri fratelli. (6 gennaio 2022)

________________________

Claudio Giunta

Come non scrivere

Una scorrevole lettura che spiega come evitare alcuni "inciampi" quando scriviamo. (31 dicembre 2021)

________________________

Fred Uhlman

Triologia del ritorno - L'amico ritrovato - Un'anima non vile - Niente resurrezione per favore

La tragedia della Shoah raccontata attraverso le storie e i sentimenti di alcuni sopravvissuti allo sterminio perché fuggiti dalla Germania prima del drammatico precipitare degli eventi. Fughe dentro le quali si nascondono traumi, distacchi, cesure che nessun "ritorno" potrà mai ricucire e sanare completamente. (13 novembre 2021)

________________________

Albert Schweitzer

Filosofia della civiltà

Morale ed etica risiedono esclusivamente nel rispetto per la vita. Solo il rispetto per la vita, di ogni forma di vita, ed un'autentica maturazione spirituale possono assicurare al genere umano una pace vera e duratura. (17 ottobre 2021)

________________________

Rocco Lentini

Intellettuali e fascismo - Il "caso" Calabria

Il fascismo, oltre che un regime fondato sulla violenza e sulla paura, era corrotto e corruttore. Ha costruito la sua fabbrica del consenso grazie alle "mangiatoie" offerte a intellettuali di varia risma che si sono piegati in diversi modi ai desiderata della dittatura. Non fanno distinzione quelli calabresi. In questo bel libro troviamo, ben documentati, i loro nomi e i misfatti che li hanno resi graditi a Mussolini e ai suoi accoliti. Dopo la fine della guerra, con l'avvento della Repubblica, quasi nessuno di loro ha pagato pegno per il suo passato. Sono stati accolti, quasi a braccia aperte, nelle nuove istituzioni e nei partiti in nome di un incomprensibile e dilatato principio della "continuità" dello Stato. (9 ottobre 2021)

________________________

Continua a leggere

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.