A' Trivella...
Cu tutti i grupa c'avimu
ncià sta povara nazioni
vuonnu u decidimu
supa a' trivellazioni...
Ma ch govenu guappu...
nu referendu e' lussu...
Trivella si o no?
Ma chi leggi bella!
E si si percia u tappu
e na boccia e' vinu russu?
A' migghju trivella...
è ...u tirabusciò!

Peppe Sestito

(Domenica 20 marzo 2016)

O poliicanti calabrisi tutti guali…

U’ pare ca siti nuovi e origginali

cu vace e cu vene, cu fu o non fu, cu siti ‘on si sape, fhaciti ù cucù.

Cuomu lejvi, e’nu poeta regginu,

applicati, mò, ‘nu concettu fhinu

mu guadagnati ‘ntè votu e’ cchjù:

chidhu e cu scinda e fface:”Bu…”

Jocandu vi passati i’ soliti palli,

a ‘ nui ni cuntati quattrhu balli,

u’stipendiuni vi ‘ntascati o’ misi

e pue ni mandati a’ chidhu pajsi.

E chissu è Pajsi duve si perde tuttu…

Duve i fissa sugnu miegghju e’ mia…

Pajsi dò m’incrisciu e mi’nda fhuttu,

duve a’ cosa seria è ffatta a’ fissaria…

U’ pajsi duve nà bella mastrhavota

supara u’‘mpegnu dò tiempu chi fù…

e a’ storia ricumincia n’atrha vota…

ca ognunu dice:”Scinda e ‘ffalla tu!”

Sup’è giornali:”Accusa del Presidente”…

Scinditi liesti e nudhu fhace nente.

‘Ncangiu no resta ca ‘nu fhattu sulu:

Mu jati tuttii e’ mma fhaciti ‘nc...u!!!!

Peppe Sestito

(Domenica, 25 ottobre 2015)

L’atrha notte,
versu menzannotte,
scindiendu da ruga de’ muorti
‘ncuntrai ad unu cù ll’uocchi stuorti…
‘Nci disse:”-Bonasera, Baruni…”
E mi jettau nù cazzottuni….
Meravigghjatu, domandai:”-Pecchì?”
E ‘mmi’nda minau n’atrhi dui o trhì…
Volia ù ‘cì fhazzu, nà ramanzina
ma ‘mmi ‘nda jettau n’atrha quattrina…
“Ma io passava pe’ fhatti mie…”
e m’inda mollau n’atri cincu o sie….
Catte ‘nterra, cuottu e strhacuottu,
e m’inda calau n’atri settuottu…
Io vitte a’ pezza mala piggjata
e cercai ù cangiu strhata…
Ma avia cchjù longa l’ancata
E mi fhice nà Cazzottijata!
Arrivau a cintu e tornau a’zeru…
Disse:” Ti mandu o’ cimiteru…”
E mmù ‘nci vaju puocu mancau…
Ca n’atrhi ducientu mi ‘zziccau!
“Mo’ statti cittu e vattinde liestu…
Sinnò m’incazzu e tti dugnu u riestu…
“M’inda vaju, ca fina chì ‘nghjorna
chissu è capaci u mi ruppa i corna…
Ca cierti gienti su propriu stuorti…
e pistunu a l’atrhi a’ ruga de muorti…”
Sicome eramu trhà luci e’ scuru,
sutt’o’ lampioni, arriedi nu muru….
Mi squatrhau miegghju e disse”Cù sì?”
“-Su nu poeta, scrivu poisì…”
“-Siti n’atrhu, allora, o’ cagghju…
Mi scusati vi pigghjai sbagghju…”
“Ma u sapiti ca siti fhetienti…
Vui prima i pistati i gienti
e pue, cu ‘nnà mossa pompusa
vi ripentiti e cercati scusa…
e chì voliti u vi dunanu i lodi…?
Si permettiti chissi ‘on ‘zzù modi…”.
Cuomu nà perzuna ben servuta…
s’inda ju arrancandu a’ sagghijuta…
Ma na manta è palati a chidda via
cià notte ,o’ scuru, puru pe’ ‘mmia
e ‘mu ‘ncì dassa nù bellu siggiddhu…
‘ncunu chjù stuortu ù trhova pur’iddhu!
                                                                                                                                                                                                                                                                                                          Peppe Sestito

(Venerdì, 23 ottobre 2015)

U’ Poeta    
è l’emigranti    
e chjddhu mundu    
ddhà duve,    
cuomu passapuortu,    
basta nà bella    
Poesia…    
A’ dù passi    
dò cielu…

Peppe Sestito

(Giovedì, 20 agosto 2015)                  

Pajsi mio
arrampicatu    
sup’à ‘ssà                                                                                      
collina,                                                                                          
sì tuornu    
pè sempe,    
chì ‘mmì duni?    
Mi rispundiu:    
“-Aria! Chiddha
chì sospirasti
n’trhè momenti
è nustargia
quand’ieri
luntanu……”

Peppe Sestito

(Giovedì, 20 agosto 2015)

_______________________

adotta un bambino a distanza

________________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                       (Peppe Sestito, autore e poeta)

Per leggere

Haim Baharier

La valigia quasi vuota

Un racconto quasi autobiografico che si innesta sullo sfondo dell'apparizione, nella Parigi degli anni Cinquanta, di Monsieur Chouchani, un clochard erudito e sapiente. Una storia sul valore della "claudicanza", sulla "normalità" dell'imperfezione. (15 febbraio 2018)

__________________________

Alberto Maggi

L'ultima beatitudine

La morte come pienezza della vita

Un libro meraviglioso, che spiegando il senso della morte esalta la bellezza di una vita piena. (27 gennaio 2018)

__________________________

Cardinale Angelo Scola - Paolo Flores d'Arcais

Dio? Ateismo della ragione e ragioni della fede

Un confronto tra due modi di guardare la vita, ma anche la società e i diritti sociali, politici e civili. (13 gennaio 2018)

__________________________

Ernest Hemingway

Addio alle armi

La guerra porta con sé sempre dolore e morte, anche quando ci sembra di esserne lontani. (30 dicembre 2017)

__________________________

Ernest Hemingway

Fiesta

Un romanzo "senza frontiere", come le anime dei suoi protagonisti. (17 dicembre 2017)

__________________________

Luciano Mainardi

Coraggio, non temere

Un bellissimo trattato sul coraggio: "il coraggio si esprime come lotta contro la paura, come superamento della paura...". (4 dicembre 2017)

__________________________

Antonello Dose

La rivoluzione del coniglio - come il buddismo mi ha cambiato  la vita

La storia di una "rivoluzione" personale, di come un incontro (in questo caso con la fede buddista) possa cambiare il modo di guardare alla propria esistenza e a quella degli altri. (30 settembre 2017)

__________________________

Sharo Gambino

Fischia il sasso

Il fascismo a Serra San Bruno, raccontato attraverso gli occhi di un bambino. Una storia narrata con un grande senso dell'umorismo. La farsa, però, conteneva già in se la tragedia. (25 agosto 2017)

__________________________

Giacomo Panizza

Cattivi maestri

La sida educativa alla pedagogia mafiosa

Chi sono i cattivi maestri? Sono le persone che indicano una via alternativa alla prevaricazione e alla violenza mafiosa. Sono quelli che educano alla bellezza dello stare insieme per costruire, in modo nonviolento, qualcosa di buono per se e per gli altri. (19 agosto 2017)

__________________________

 

Leone Tolstoi

Il Regno di Dio è in voi

Un "trattato" alla scoperta delle radici della nonviolenza del Cristianesimo. E' questo il cuore della rivelazione divina: la non-resistenza al male con la violenza. (3 agosto 2017)

__________________________

Giuseppe Lavorato

Rosarno

Conflitti sociali e lotte politiche in un crocevia di popoli, sofferenze e speranze

La storia delle lotte contro i fascisti, la ndrangheta e i razzismi e a sostegno dei diritti dei più poveri. La narrazione della "rivolta" dei migranti di Rosarno del gennaio 2010. Un libro intriso di passione politica e civile. (2 agosto 2017)

__________________________

Adriano Prosperi

Il seme dell'intolleranza

Ebrei, eretici, selvaggi

Granada 1492

I razzismi non fuoriescono dal niente, ma hanno radici profonde. Ce lo spiega bene, in questo bel libro, Adriano Prosperi. (8 luglio 2017)

__________________________

Romeo Vernazza

Quelli erano giorni - Una storia vera

La storia di uno degli IMI, gli internati militari italiani. Circa seicentocinquantamila prigionieri militari italiani che, dopo l'8 settembre 1943, dissero No al fascismo e al nazismo e furono deportati nei campi tedeschi di "lavoro" forzato pagando il loro rifiuto con la fame, gli stenti, la morte. Erano persone semplici, contadini, operai che Mussolini aveva mandato, come carne da macello, a combattere in giro per l'Europa, tra l'altro male equipaggiate, a casa di altre persone che non avevano fatto niente contro di loro. Prigionieri che davanti agli "appelli" dei gerarchi fascisti e nazisti di arruolarsi per la repubblica di Saló, in cambio di un pasto caldo e della fine degli stenti, dissero orgogliosamente di No. Molti di quelli che riuscirono a tornare a casa piansero tutte le notti, fecero sogni terribili, "vissero" sempre da sopravvissuti. (12 giugno 2017)

__________________________

Erminio Amelio

L'incontro

L'incontro tra Giuseppe e Malik, annulla le distanze, demolisce i pregiudizi, è generativo di comprensione e compassione, svela l'umanità delle persone così come dovrebbe essere. (28 maggio 2017)

__________________________

Vito Mancuso

Il coraggio di essere liberi

 "Alla fine si tratta solo di introdurre armonia nell'immenso concerto nel mondo. E così generare bellezza, e ancor più essere bellezza, quella bellezza che è anche bontà". (7 maggio 2017)

__________________________

Sabrina Garofalo

Ludovica Ioppolo

Onore e dignitudine

Le storie intorno ai corpi, alle passioni, agli amori impossibili rivelano più di mille trattati il malato "senso dell'onore" di cui è colmo, come vino drogato, l'universo violento delle mafie. (6 maggio 2017)

__________________________

Felice Foresta

Il faggio che sposò la luna

Giancarlo, Antonio, Carmine, Laura e Loredana. Storie che si svolgono intorno al senso di giustizia e di legami spirituali che non si sciolgono. (29 aprile 2017)

___________________________

Corrado Augias

Marco Vannini

Inchiesta su Maria

Una riflessione a due voci, onesta e priva di pregiudizi, sulla figura di Maria, la madre di Gesù. (3 aprile 2017)

__________________________

Adolfo Pérez Esquivel

e Daisaku Ikeda

La forza della speranza

Un dialogo intenso sui temi della pace, della nonviolenza, dei diritti umani, dell'impegno personale per il bene, sull'assurdità della guerra e delle armi nucleari, tra il Premio Nobel per la Pace del 1980 e il leader buddista presidente onorario della Soka Gakkai, passando per Seneca, Platone, Gandhi, Victor Hugo, Albert Camus, Lao Tzu, Goethe, Arnold Toynbee, Thomas Merton, Norberto Bobbio, Albert Einstein, John Ruskin, Martin Luther King, Rosa Parks, Rigoberta Menchú, Nichiren Daishonin, Betty Williams. (2 aprile 2017)

__________________________

Tommaso Campanella

La città del sole

Una immaginifica società governata da un tiranno (Sole) dotato di un potere assoluto. Utopia o distopia? Attualizzando, forse, è possibile fare un paragone con ciò che è stato immaginato nel film "Divergent". (13 marzo 2017)

__________________________

Continua a leggere

 

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.