di Annalisa Brizzante

Il lavoro e il servizio per gli ammalati si compiono nella certezza che viene dalla fede

«Tutto quello che la tua mano trova da fare, fallo con tutte le tue forze; poiché nel soggiorno dei morti dove vai, non c’è più né lavoro, né pensiero, né scienza, né saggezza» (Ecc. 9,10).

Appartengo alla comunità valdese di Milano e sono infermiera. La scorsa settimana, in occasione della sospensione del culto in ottemperanza alle disposizioni per il contenimento della diffusione del Coronavirus, ho ascoltato questo versetto del libro dell’Ecclesiaste in un messaggio inviatoci dai nostri pastori. Da quel momento il pensiero di queste parole accompagna l’inizio delle mie giornate lavorative. Questa situazione di “emergenza” in cui si trova il nostro Paese, e non solo, sta modificando forzatamente il nostro stile di vita e il nostro lavoro quotidiano; in particolare questo momento sta impegnando i medici, gli infermieri e tutti gli operatori sanitari. Questo versetto mi torna in mente ogni volta in cui varco la soglia del mio reparto, e mi sostiene in tutti i momenti in cui mi sento sopraffatta dal lavoro, dalla stanchezza e dalla sofferenza che vedo nelle persone. Per noi infermieri questi sono giorni convulsi, ci viene richiesto di essere pronti a cambiamenti organizzativi molto rapidi e per tale ragione non sempre percepiti e vissuti come chiari e sicuri.

Dobbiamo essere disponibili a rinunciare ai normali tempi del riposo per garantire una continuità nell’assistenza e rinforzare i reparti laddove vi è più carenza di personale.

In questi giorni sta cambiando il ritmo del mio lavoro: spesso dobbiamo far fronte a situazioni improvvise in cui deve essere garantita l’applicazione rigorosa delle precauzioni e una flessibilità nella gestione delle normali attività. Questi giorni sono bui per tutti noi, proprio come “il soggiorno dei morti” di cui parla questo versetto. Mi sono chiesta che cosa possono significare queste parole della Scrittura per me, da infermiera e da credente. Le mie mani, cioè le mie opere, i miei sentimenti, i miei pensieri devono fare senza esitazione, senza risparmio, tutto ciò che mi si presenta davanti; devo essere in grado di agire senza timore, di curare, di rincuorare e di sostenere le persone che mi trovo ad assistere, proprio quando il clima in cui ci muoviamo vorrebbe invece paralizzarci e chiuderci al nostro interesse e alla nostra individuale sicurezza, nella consapevolezza che la grazia del Signore è sempre sovrabbondante rispetto alle nostre forze.

Questo versetto mi dice che il mio essere cristiana si determina e si testimonia qui e ora, in questo tempo di grande incertezza e di altrettanto grande bisogno. In questi giorni mi sono resa conto di quanto sia difficile il nostro compito verso il nostro prossimo: essere per le persone malate il conforto che, in questo particolare momento, non possono ricevere dai loro cari, e allo stesso tempo far accettare alle persone la necessità di dover rinunciare a qualcosa per il bene di tutta la collettività. I nostri gesti di cura richiedono una vicinanza anche fisica alle persone che incontriamo e la delicatezza del nostro lavoro è anche quella di trasmettere la sicurezza della nostra presenza. Dobbiamo anche noi, come tutte le altre persone, superare la paura di avvicinarci agli altri; noi infermieri dobbiamo far sentire che oltre alle cure e attenzioni “straordinarie”, le cure ordinarie devono continuare; infatti la nostra attenzione deve restare immutata anche nelle piccole azioni di cura. Queste parole inoltre mi sostengono con forza quando vedo negli occhi delle persone la paura, l’impotenza e il senso di solitudine che possono provare quando intorno tutto si muove e cambia rapidamente, in maniera incerta, e vi è il bisogno di trovare sicurezza negli occhi e nelle mani di un’altra persona. Ma questo versetto mi dà anche la forza di incoraggiare tutti i colleghi e le colleghe a non lasciarsi vincere dalla paura di essere esposti al contagio. Queste parole, infatti, ci invitano anche a impegnarci in prima persona, anche qui senza risparmiarci, affinché possiamo lavorare il più possibile in sicurezza e sostenerci l’un l’altro; informando ed esortando le persone a rispettare le indicazioni sanitarie, e vigilando affinché tutti gli operatori siano tutelati. Per noi cristiani solo la certezza della fede è ciò che ci permette di rimanere saldi, cioè di non vacillare, di non dubitare che ciò che facciamo per le persone è innanzitutto fatto in Dio ed è per Dio, come ci esorta l’apostolo Paolo nella I Lettera ai Corinzi (15,58): «Perciò, fratelli miei carissimi, state saldi, incrollabili, sempre abbondanti nell’opera del Signore, sapendo che la vostra fatica non è vana nel Signore». Possiamo pregare insieme, in questo difficile momento, con le parole del Salmista: «Saziaci al mattino con il tuo amore/ esulteremo e gioiremo per tutti i nostri giorni/ Rendici la gioia per i giorni in cui ci hai afflitti/ per gli anni in cui abbiamo visto il male/ Si manifesti ai tuoi servi la tua opera/ e il tuo splendore ai loro figli/ Sia su di noi la dolcezza del Signore, nostro Dio/ rendi salda per noi l’opera delle nostre mani/ l’opera delle nostre mani rendi salda» (Sal. 90,14-17).

(da "Riforma"  - settimanale delle Chiese evangeliche, battiste, metodiste, valdesi - edizione del 20 marzo 2020)

(Mercoledì, 18 marzo 2020)

 

Pin It

_______________________

adotta un bambino a distanza

________________________

 

 

 

 

CHIESA EVANGELICA VALDESE


 
 

 

 

 

 

 

 

 

Per leggere

Massimo Rubboli

La Riforma protestante tra mito e memoria storica

Un libro che ripercorre le vicende della Riforma Radicale (Anabattismo), una delle grandi correnti riformatrici del cristianesimo del XVI secolo. Un pensiero che però, nell'immediatezza degli eventi, ha avuto un esito infausto schiacciato dal Luteranesimo e dal Calvinismo. Gli anabattisti sono stati perseguitati e uccisi, ma hanno trovato comunque la forza di resistere e di diffondere il loro messaggio nonviolento. (4 luglio 2020)

________________________

Frederick F. Bruce

Testimonianze extrabibliche su Gesù - Da Giuseppe Flavio al Corano

Una bella carrellata di fonti che parlano di Gesù al di fuori dei testi biblici. Si parte dalle testimonianze degli scrittori pagani sino ad arrivare a quelle archeologiche. (23 giugno 2020)

________________________

Isabel Allende

Eva Luna

La storia di una bambina che nasce per un caso fortuito e diventa donna in un vortice di incroci esistenziali, di esperienze e di passioni. La vita e l'immaginazione le insegneranno a inventare e a raccontare storie con le quali riesce ad affascinare chi incontra. (23 giugno 2020)

________________________

Martin Buber

Il cammino dell'uomo

L'uomo deve tendere ad avere anima e corpo unificati. Pensieri, parole e azioni devono corrispondere. E' un percorso da intraprendere in maniera risoluta, senza sprecare le proprie energie per guardare indietro al proprio peccato ma utilizzando tutto il proprio essere per adempiere allo scopo per il quale Dio ci ha posto nel mondo. (9 maggio 2020)

________________________

A cura di Graziano Zoni

Hélder Câmara - Un ricordo che apre al futuro

"Quando aiuto i poveri mi dicono che sono un santo, quando denuncio le cause della loro povertà dicono che sono un comunista". Un bel ritratto della personalità e dell'azione pastorale del "vescovino", come lui stesso amava definirsi, di Olinda e Recife in Brasile. (6 maggio 2020)

________________________

Gandhi

Le mie parole ai cristiani

"Mostratemi il Dio che vive oggi"

La grande anima ha sviluppato diversi pensieri e parole sul cristianesimo e sui cristiani, non esentando questi ultimi dalla responsabilità di essersi allontanati dalla predicazione e dalla testimonianza di Gesù. Il suo "incontro" con il cristianesimo trova il suo apice nel cosiddetto "Sermone della montagna" (capitoli 5-7 del Vangelo di Matteo). (2 maggio 2020)

________________________ 

Ludwig Monti

Le domande di Gesù

In un corso biblico presso la Comunità di Bose, Ludwig Monti ebbe a chiedere: secondo voi quante domande ha fatto Gesù? Io risposi: Gesù ha fatto le domande giuste. Questo libro contiene una rassegna delle domande di Gesù contenute nei Vangeli. Ogni domanda è accompagnata da una esegesi che ci aiuta a comprenderne il significato. (25 aprile 2020)

________________________

Christoph Markschies

La gnosi

Una bella introduzione alla gnosi, ai movimenti e ai "sistemi" gnostici, costruita attraverso il ricorso a modelli tipologici. Non scioglie gli interrogativi, ma ci aiuta a comprendere la complessità del fenomeno. (6 marzo 2020)

________________________

Karl Barth

L'umanità di Dio

L'attualità del messaggio cristiano

L'umanità di di Dio, si manifesta pienamente nell'umanità di Gesù Cristo. Dio ci accetta come uomini e partecipa alle nostre esistenze. (12 febbraio 2020)

________________________

Dietrich Bonhoeffer

Sequela

Attraverso il commento del "discorso della montagna", il pastore-teologo della chiesa confessante tedesca, barbaramente ucciso daî nazisti nel campo di concentramento di Flossenbürg, ci guida alla comprensione di ciò che significa porsi alla sequela di Gesù. La fede in Gesù è esigente perchè passa dalla sua croce. Come il Padre ha santificato il Figlio, così anche noi, per mezzo del Figlio, siamo santificati ma la nostra santificazione non è mai a buon mercato. (8 febbraio 2020)

________________________

Giovanni Sestito

Quando parla il cuore

Dentro al cuore di ognuno di noi si nascondono ricordi e sentimenti che a volte non vogliamo o non possiamo rivelare. Ma può capitare che chi legge le poesie di questo libro ci si rispecchi dentro e riveda i fotogrammi della propria vita. Questo libro non svela verità nascoste perché non ce ne sono, ma vuole semplicemente raccontare, in pochi versi, le emozioni dell’autore, la bellezza della vita, l’amore e Dio. Le poesie aprono la porta dell’anima, una porta grande che riesci ad aprire con delle semplici parole; un valico che per tanti anni è rimasto chiuso, retrostante quella porta vi è una camera piena di ricordi, di immagini sbiadite nel tempo, di memorie, di amore, di sogni e di speranze. (Dalla quarta di copertina - 18 gennaio 2020)

________________________

Mirella Serri

Gli irriducibili

I giovani ribelli che sfidarono Mussolini

Giorgio Amendola, Ada, Enzo, Emilio e Enrico Sereni, sono alcuni tra i giovani che compresero fin dagli albori del fascismo il pericolo di quella violenta e nefasta ideologia. Si opposero con tutte le loro forze rischiando ogni giorno la vita, a differenza dei "pisciafreddo" che rimasero a guardare. A Liberazione avvenuta molti di loro non ebbero il riconoscimento dovuto per le loro lotte, "superati" dai "redenti", ossia da coloro che avevano anche appoggiato il regime e poi ne erano usciti fuori. (18 gennaio 2020)

________________________

Liliana Segre (a cura di Giuseppe Civati)

Il mare nero dell'indifferenza

La storia della deportazione della bambina Liliana Segre, la storia più in generale della catastrofe della Shoah, ci pone davanti alla drammatica domanda: come è stato possibile tutto ciò nella nostra Europa? Primo Levi disse: "E' successo, può succedere ancora". Uno degli antidoti per scongiurarlo è sconfiggere l'indifferenza, diventando ognuno di noi dei moltiplicatori della memoria. (4 gennaio 2019)

________________________

A cura di Marco Cassuto Morselli - Giulio Michelini

La Bibbia dell'Amicizia

Un meritevole esperimento, nel campo dell'esegesi, di pericopi della Torah/Pentateuco commentati da ebrei e cristiani. Oltre a dialogare, si possono fare ottime cose insieme. Una dimostrazione di come la ricchezza della Torah/Pentateuco riesca a trovare, nello scorrere del tempo, nuovi dinamismi pieni di significati e di sapienza. (27 dicembre 2019)
__________________________

Daniel Marguerat

La preghiera salverà il mondo

L'uomo di fede è uomo di preghiera. Pregare significa riconoscere i limiti della nostra natura umana e porsi davanti a Dio nella consapevolezza che Lui si associa alla nostra orazione e la fa Sua. (19 dicembre 2019)

__________________________

Continua a leggere

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.