Giacomo Ulivi, giovane antifascista studente di giurisprudenza, aveva solo 19 anni quando venne fucilato a Modena dai fascisti il 10 novembre 1944. Di lui ci resta pure questa bellissima lettera scritta la notte prima dell'esecuzione e pubblicata dall'Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia.

Cari Amici,

Vi vorrei confessare innanzi tutto, che tre volte ho strappato e scritto questa lettera. L'avevo iniziata con uno sguardo in giro, con un sincero rimpianto per le rovine che ci circondano, ma, nel passare da questo argomento di cui desidero parlarvi, temevo di apparire "falso", di inzuccherare con un patetico preambolo una pillola propagandistica. E questa parola temo come un'offesa immeritata: non si tratta di propaganda ma di un esame che vorrei fare con voi. Invece dobbiamo guardare ed esaminare insieme: che cosa? Noi stessi. Per abituarci a vedere in noi la parte di responsabilità che abbiamo dei nostri mali. Per riconoscere quanto da parte nostra si è fatto, per giungere ove siamo giunti. Non voglio sembrarvi un Savonarola che richiami il flagello. Vorrei che con me conveniste quanto ci sentiamo impreparati, e gravati di recenti errori, e pensassimo al fatto che tutto noi dobbiamo rifare. Tutto dalle case alle ferrovie, dai porti alle centrali elettriche, dall'industria ai campi di grano. Ma soprattutto, vedete, dobbiamo fare noi stessi: è la premessa per tutto il resto. Mi chiederete: perché rifare noi stessi, in che senso? Ecco per esempio, quanti di noi sperano nella fine di questi casi tremendi, per iniziare una laboriosa e quieta vita, dedicata alla famiglia e al lavoro? Benissimo: è un sentimento generale, diffuso e soddisfacente. Ma, credo, lavorare non basterà; e nel desiderio invincibile di "quiete", anche se laboriosa è il segno dell'errore. Perché in questo bisogno di quiete è il tentativo di allontanarsi il più possibile da ogni manifestazione politica. È il tremendo, il più terribile, credetemi, risultato di un'opera di diseducazione ventennale, di diseducazione o di educazione negativa, che martellando per vent'anni da ogni lato è riuscita ad inchiodare in molti di noi dei pregiudizi. Fondamentale quello della "sporcizia" della politica, che mi sembra sia stato ispirato per due vie. Tutti i giorni ci hanno detto che la politica è un lavoro di "specialisti". Duro lavoro, che ha le sue esigenze: e queste esigenze, come ogni giorno si vedeva, erano stranamente consimili a quelle che stanno alla base dell'opera di qualunque ladro e grassatore. Teoria e pratica concorsero a distoglierci e ad allontanarci da ogni attività politica. Comodo, eh? Lasciate fare a chi può e deve; voi lavorate e credete, questo dicevano: e quello che facevano lo vediamo ora, che nella vita politica – se vita politica vuol dire soprattutto diretta partecipazione ai casi nostri – ci siamo stati scaraventati dagli eventi. Qui sta la nostra colpa, io credo: come mai, noi italiani, con tanti secoli di esperienza, usciti da un meraviglioso processo di liberazione, in cui non altri che i nostri nonni dettero prova di qualità uniche in Europa, di un attaccamento alla cosa pubblica, il che vuol dire a sé stessi, senza esempio forse, abbiamo abdicato, lasciato ogni diritto, di fronte a qualche vacua, rimbombante parola? Che cosa abbiamo creduto? Creduto grazie al cielo niente ma in ogni modo ci siamo lasciati strappare di mano tutto, da una minoranza inadeguata, moralmente e intellettualmente.

Questa ci ha depredato, buttato in un'avventura senza fine; e questo è il lato più "roseo", io credo: Il brutto è che le parole e gli atti di quella minoranza hanno intaccato la posizione morale; la mentalità di molti di noi. Credetemi, la "cosa pubblica" è noi stessi: ciò che ci lega ad essa non è un luogo comune, una parola grossa e vuota, come "patriottismo" o amore per la madre in lacrime e in catene vi chiama, visioni barocche, anche se lievito meraviglioso di altre generazioni. Noi siamo falsi con noi stessi, ma non dimentichiamo noi stessi, in una leggerezza tremenda. Al di là di ogni retorica, constatiamo come la cosa pubblica sia noi stessi, la nostra famiglia, il nostro lavoro, il nostro mondo, insomma, che ogni sua sciagura è sciagura nostra, come ora soffriamo per l'estrema miseria in cui il nostro paese è caduto: se lo avessimo sempre tenuto presente, come sarebbe successo questo? L'egoismo – ci dispiace sentire questa parola – è come una doccia fredda, vero?

Sempre tutte le pillole ci sono state propinate col dolce intorno; tutto è stato ammantato di rettorica; Facciamoci forza, impariamo a sentire l'amaro; non dobbiamo celarlo con un paravento ideale, perché nell'ombra si dilati indisturbato. È meglio metterlo alla luce del sole, confessarlo, nudo scoperto, esposto agli sguardi: vedrete che sarà meno prepotente. L'egoismo, dicevamo, l'interesse, ha tanta parte in quello che facciamo: tante volte si confonde con l'ideale. Ma diventa dannoso, condannabile, maledetto, proprio quando è cieco, inintelligente. Soprattutto quando è celato. E, se ragioniamo, il nostro interesse e quello della "cosa pubblica", insomma, finiscono per coincidere.

Appunto per questo dobbiamo curarla direttamente, personalmente, come il nostro lavoro più delicato e importante. Perché da questo dipendono tutti gli altri, le condizioni di tutti gli altri. Se non ci appassionassimo a questo, se noi non lo trattiamo a fondo, specialmente oggi, quella ripresa che speriamo, a cui tenacemente ci attacchiamo, sarà impossibile. Per questo dobbiamo prepararci. Può anche bastare, sapete, che con calma, cominciamo a guardare in noi, e ad esprimere desideri. Come vorremmo vivere, domani? No, non dite di essere scoraggiati, di non volerne più sapere. Pensate che tutto è successo perché non ne avete più voluto sapere! Ricordate, siete uomini, avete il dovere se il vostro istinto non vi spinge ad esercitare il diritto, di badare ai vostri interessi, di badare a quelli dei vostri figli, dei vostri cari. Avete mai pensato che nei prossimi mesi si deciderà il destino del nostro Paese, di noi stessi: quale peso decisivo avrà la nostra volontà se sapremo farla valere; che nostra sarà la responsabilità, se andremo incontro ad un pericolo negativo? Bisognerà fare molto. Provate a chiedevi in giorno, quale stato, per l'idea che avete voi stessi della vera vita, vi pare ben ordinato: per questo informatevi a giudizi obbiettivi. Se credete nella libertà democratica, in cui nei limiti della costituzione, voi stessi potreste indirizzare la cosa pubblica, oppure aspettare una nuova concezione, più egualitaria della vita e della proprietà. E se accettate la prima soluzione, desiderate che la facoltà di eleggere, per esempio sia di tutti, in modo che il corpo eletto sia espressione diretta e genuina del nostro Paese, o restringerla ai più preparati oggi, per giungere ad un progressivo allargamento? Questo ed altro dovete chiedervi. Dovete convincervi, e prepararvi a convincere, non a sopraffare gli altri, ma neppure a rinunciare.

Oggi bisogna combattere contro l'oppressore. Questo è il primo dovere per noi tutti: ma è bene prepararsi a risolvere quei problemi in modo duraturo, e che eviti il risorgere di essi ed il ripetersi di tutto quanto si è abbattuto su di noi.

Termino questa lunga lettera un po' confusa, lo so, ma spontanea, scusandomi ed augurandoci buon lavoro.

Giacomo Ulivi

(Domenica, 17 novembre 2019)


0
0
0
s2sdefault

_______________________

adotta un bambino a distanza

________________________

 

 

 

 

CHIESA EVANGELICA VALDESE


 
 

 

 

 

 

 

 

 

Per leggere

Karl Barth

L'umanità di Dio

L'attualità del messaggio cristiano

L'umanità di di Dio, si manifesta pienamente nell'umanità di Gesù Cristo. Dio ci accetta come uomini e partecipa alle nostre esistenze. (12 febbraio 2020)

________________________

Dietrich Bonhoeffer

Sequela

Attraverso il commento del "discorso della montagna", il pastore-teologo della chiesa confessante tedesca, barbaramente ucciso daî nazisti nel campo di concentramento di Flossenbürg, ci guida alla comprensione di ciò che significa porsi alla sequela di Gesù. La fede in Gesù è esigente perchè passa dalla sua croce. Come il Padre ha santificato il Figlio, così anche noi, per mezzo del Figlio, siamo santificati ma la nostra santificazione non è mai a buon mercato. (8 febbraio 2020)

________________________

Giovanni Sestito

Quando parla il cuore

Dentro al cuore di ognuno di noi si nascondono ricordi e sentimenti che a volte non vogliamo o non possiamo rivelare. Ma può capitare che chi legge le poesie di questo libro ci si rispecchi dentro e riveda i fotogrammi della propria vita. Questo libro non svela verità nascoste perché non ce ne sono, ma vuole semplicemente raccontare, in pochi versi, le emozioni dell’autore, la bellezza della vita, l’amore e Dio. Le poesie aprono la porta dell’anima, una porta grande che riesci ad aprire con delle semplici parole; un valico che per tanti anni è rimasto chiuso, retrostante quella porta vi è una camera piena di ricordi, di immagini sbiadite nel tempo, di memorie, di amore, di sogni e di speranze. (Dalla quarta di copertina - 18 gennaio 2020)

________________________

Mirella Serri

Gli irriducibili

I giovani ribelli che sfidarono Mussolini

Giorgio Amendola, Ada, Enzo, Emilio e Enrico Sereni, sono alcuni tra i giovani che compresero fin dagli albori del fascismo il pericolo di quella violenta e nefasta ideologia. Si opposero con tutte le loro forze rischiando ogni giorno la vita, a differenza dei "pisciafreddo" che rimasero a guardare. A Liberazione avvenuta molti di loro non ebbero il riconoscimento dovuto per le loro lotte, "superati" dai "redenti", ossia da coloro che avevano anche appoggiato il regime e poi ne erano usciti fuori. (18 gennaio 2020)

________________________

Liliana Segre (a cura di Giuseppe Civati)

Il mare nero dell'indifferenza

La storia della deportazione della bambina Liliana Segre, la storia più in generale della catastrofe della Shoah, ci pone davanti alla drammatica domanda: come è stato possibile tutto ciò nella nostra Europa? Primo Levi disse: "E' successo, può succedere ancora". Uno degli antidoti per scongiurarlo è sconfiggere l'indifferenza, diventando ognuno di noi dei moltiplicatori della memoria. (4 gennaio 2019)

________________________

A cura di Marco Cassuto Morselli - Giulio Michelini

La Bibbia dell'Amicizia

Un meritevole esperimento, nel campo dell'esegesi, di pericopi della Torah/Pentateuco commentati da ebrei e cristiani. Oltre a dialogare, si possono fare ottime cose insieme. Una dimostrazione di come la ricchezza della Torah/Pentateuco riesca a trovare, nello scorrere del tempo, nuovi dinamismi pieni di significati e di sapienza. (27 dicembre 2019)
__________________________

Daniel Marguerat

La preghiera salverà il mondo

L'uomo di fede è uomo di preghiera. Pregare significa riconoscere i limiti della nostra natura umana e porsi davanti a Dio nella consapevolezza che Lui si associa alla nostra orazione e la fa Sua. (19 dicembre 2019)

__________________________

A cura di Marialuisa Lucia Sergio

Alcide De Gasperi

Diario 1930-1943

Un prezioso documento redatto da un punto di osservazione "privilegiato", il Vaticano, dove Alcide De Gasperi si era rifugiato per sfuggire al carcere fascista. Un diario che annota, quasi giorno dopo giorno, tanti eventi di quel tragico periodo della nostra storia. Traspare l'assoluta sudditanza della chiesa cattolica, della stampa e della cultura in generale nei confronti del regime, l'amarezza, e qualche volta la depressione, dello stesso De Gasperi. (6 dicembre 2019)

__________________________

A cura di Daniele Garrone

Ebraismo - Guida Per non ebrei

Per chi vuole avvicinarsi alla ricchezza spirituale e sapienziale dell'ebraismo, questo volumetto fornisce le principali coordinate per orientarsi, anche riguardo ai costumi, alle feste e alle diverse correnti dottrinali, in un universo davvero affascinante da cui proviene gran parte di quello che oggi noi siamo. (26 ottobre 2019)

__________________________

Autori Vari

Calabresi per sempre

Ventidue storie scritte da ventidue autori diversi, con un unico filo conduttore: la nostalgia per le proprie radici calabresi. (10 settembre 2019)

__________________________

Amos Oz

Nel buio sotto le vaghe stelle

"Nel buio sotto le vaghe stelle" sono anche le ultime parole di questo racconto breve, in cui Rahel, suo padre Pesach e lo studente arabo Adel restano davvero soli e tremanti al cospetto delle loro vite che sembrano mancare di un punto di congiunzione, di qualcosa che possa renderle veramente piene. (7 settembre 2019)

__________________________

Dietrich Bonhoeffer

Etica

Il trattato incompiuto di Dietrich Bonhoeffer, teologo luterano tedesco ucciso nel campo di concentramento di Flossembürg il 9 aprile 1945. L'etica del cristiano non può che essere letta e vissuta alla luce del riconoscimento di Gesù come Signore dell'Universo. (30 agosto 2019)

__________________________

Haim Baharier

Qabbalessico

Come dice l'autore non è un libro di Qabbalà, ma un piccolo vocabolario dal quale si sprigionano pillole di sapienza che ci aiutano e leggere alcune storie della Bibbia e anche la realtà in cui ci muoviamo in questo nostro tempo. (18 agosto 2019)

_________________________

Haim Baharier

Le dieci parole

Il decalogo come traccia vitale per il presente e per il futuro. Le dieci parole con le quali non possiamo non confrontarci perchè aprono e illuminano il nostro pensiero. (8 agosto 2019)

_________________________

Haim Baharier

La Genesi spiegata da mia figlia

La Genesi, come tutti i racconti della Bibbia, è un racconto di mancanze, di claudicanze colmate e riparate dall'intervento del Divino. (28 luglio 2019)

_________________________

Herman Melville

Moby Dick

Un libro che non può non essere letto. Un'enciclopedia sotto la forma di un romanzo. La narrazione dell'ossessione del capitano Achab, attraverso la cui comprensione possiamo anche guarire dalle nostre di ossessioni prendendone le giuste distanze. (14 luglio 2019)

_________________________

Eric Noffke

Cristo contro Cesare - Come gli ebrei e i cristiani del I secolo risposero alla sfida dell'imperialismo romano

Da Giuseppe Flavio e Filone Alessandrino alle guerre giudaiche, alla nonviolenza "politica" di Gesù e Paolo di Tarso. Un'analisi attenta e documentata del modo variegato con il quale gli attori religiosi e politici del I secolo si rapportarono al potere romano. (7 luglio 2019)

_________________________

Rufus Burrow Jr.

Martin Luther King

Uno sguardo attento e informato sul retroterra familiare e sul percorso formativo che hanno ispirato il pensiero e l'azione per i diritti civili di Martin Luther King. Pensiero e azione che si sarebbero ulteriormente evoluti se il pastore battista non fosse stato assassinato a Memphis il 4 aprile 1968. (25 giugno 2019)

_________________________

Giampiero Comolli

La malinconia meravigliosa

I discorsi di commiato del Buddha e di Gesù

E' possibile confrontare i grandi discorsi di commiato del Buddha e di Gesù? Per alcuni versi si, per altri non potrebbero essere più distanti. Ma c'è una cosa che sicuramente li accomuna: una meravigliosa malinconia. Il senso di una pace a cui aspirare, la bellezza di una luce di cui talvolta possiamo fare esperienza e che subito dopo ci lascia la sensazione di una mancanza, di un desiderio che comunque siamo chiamati a coltivare con tutte le nostre forze. (1 giugno 2019)

__________________________

Francesco Filippi

Mussolini ha fatto anche cose buone

Le idiozie che continuano a circolare sul fascismo

Un agile "manuale" per smascherare facilmente le bufale che girano sul fascismo, specie sui social. (30 maggio 2019)

__________________________

Lutero

La libertà del cristiano

"Il cristiano non vive per se stesso, ma in Cristo e nel prossimo, altrimenti non é cristiano: in Cristo per mezzo della fede, nel prossimo per mezzo dell'amore". Questa è l'essenza dell'intera vita cristiana. Una sintesi mirabile del Trattato che Lutero indirizzò a papa Leone X nel 1520, ma che ancora oggi è in grado di interrogare ogni cristiano che abbia voglia di confrontarsi con la sua fede e con il significato di stare nel mondo senza essere del mondo. (5 maggio 2019)

__________________________

Giusy Staropoli Calafati

Il viaggio delle nuvole

Un romanzo ispirato dalla vicenda umana e politica di Mimmo Lucano. Una favola bella, fatta di persone che avevano ritrovato speranza e voglia di vivere. (5 maggio 2019)

__________________________

Paolo Squizzato

Dalla cenere alla vita

Siamo molto di più del nostro peccato. Siamo chiamati a vincere i nostri sensi di colpa grazie alla gioia della fede che ci viene donata. (27 aprile 2019)

__________________________

Continua a leggere

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.